Scopri le meraviglie della nostra terra!

Fotografia di Luca Massari

forlì

Fascino, arte e storia. Questa è la descrizione di Forlì in tre parole, città che racchiude tante bellezze da visitare che soddisfano la curiosità di ogni visitatore, dal centro storico ai monumenti. In Piazza Aurelio Saffi, animata il lunedì dal mercato, ci sono il Palazzo del Podestà, il Municipio e l’antica Chiesa di San Mercuriale, risalente al XII secolo. Seguendo il Corso Garibaldi si arriva poi in Piazza del Duomo dove sorge la Cattedrale. Altra meta da visitare è la Rocca di Ravaldino, fortificazione che difese la Forlì guidata da Caterina degli Sforza dagli assalti di Cesare Borgia: oltre ad ospitare le carceri, ha anche un’area adibita a sede espositiva. Per gli amanti dell’arte e della cultura ci sono i Musei San Domenico, che ospitano in tutti i mesi dell’anno mostre ed eventi nelle sue suggestive e splendide sale. Forlì ha anche una piccola oasi verde, il parco urbano Franco Agosto: 26 ettari dove si possono ammirare molte specie di animali liberi, e tra queste ci sono i conigli, che vivono in un luogo sopraelevato chiamato proprio la “collina dei conigli”. A pochi chilometri da Forlì c’è Forlimpopoli, città medievale che ha dato i natali a Pellegrino Artusi, scrittore, gastronomo e critico letterario autore del libro di ricette “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”. Per celebrarlo si tiene a giugno la Festa Artusiana, che ha come tema la cultura e la tradizione enogastronomica. Altro evento estivo è l’Artusi Jazz Festival dove ad ogni edizione sono presenti molti artisti provenienti da tutto il mondo.

Per info: www.comune.forli.fc.it

cesena

Città leader nel mercato dell’ortofrutta europeo, Cesena è uno snodo strategico nella comunicazione stradale, trovandosi nell’intersezione tra l’autostrada A14 Bologna-Taranto e la strada statale 3 bis Tiberina (E45) Terni-Ravenna. L’area geografica in cui è collocata la città, a metà strada tra il mare Adriatico e l’Appennino tosco-romagnolo, è caratterizzata dalla presenza di numerose aziende che operano in campo agricolo, gastronomico, fitness, tecnologico e termale (a Bagno di Romagna). Cesena è anche detta “La Città dei tre Papi”, avendo dato i natali a Pio VI e a Pio VII e ospitato il vescovado di Pio VIII e Benedetto XIII. Caratteristico e suggestivo è il centro storico, dove sorgono numerose chiese e palazzi di interesse storico, artistico e culturale, ai piedi dell’antica Rocca Malatestiana. Da visitare anche la Biblioteca Malatestiana, prima biblioteca civica europea ed unico esempio di biblioteca monastica umanistica perfettamente conservata, riconosciuta dall’UNESCO, che l’ha inserita nel registro della Memoria del mondo. Cesena vanta infine diverse facoltà universitarie, sedi distaccate dell’Università di Bologna.

Per informazioni: www.comune.cesena.fc.it/cesenaturismo

Fotografia di Paolo Morelli

faenza

Città in provincia di Ravenna, è nota in tutto il mondo per la produzione di ceramica, in particolare della maiolica. Con il nome Faience (Faenza in francese) si identifica infatti a livello internazionale la ceramica maiolica. Il centro storico di Faenza è caratterizzato da palazzi ed edifici con architetture rinascimentali e neoclassiche: suggestiva è la Piazza del Popolo dove sorgono il Duomo e la Torre dell’Orologio. Molto rinomato è anche il teatro “Angelo Masini” dove si sono esibiti artisti famosi provenienti da tutta Italia. Da visitare il MIC (Museo Internazionale delle Ceramiche), riconosciuto dal 2011 come “monumento testimone di una cultura di pace” dall’UNESCO. Faenza è molto conosciuta anche per il Palio del Niballo, giostra storica di ispirazione medievale che si disputa tra i cinque rioni della città, che si tiene dal 1959 nella quarta domenica di giugno. Altro evento sportivo di livello nazionale è la 100 km del Passatore, in programma nell’ultimo sabato di maggio, un’ultramaratona che collega le città di Firenze e Faenza, che richiama oltre mille partecipanti da tutto il mondo.

Per informazioni: www.comune.faenza.ra.it

Ravenna

È la città storicamente più importante della Romagna, con un territorio comunale che è il secondo in Italia per superficie dopo soltanto quello di Roma e comprende nove lidi marittimi: Casal Borsetti, Marina Romea, Porto Corsini, Marina di Ravenna, Punta Marina Terme, Lido Adriano e Lido di Dante. Basta camminare per le vie del centro per respirare i segni storici che hanno sempre visto la città di Bisanzio protagonista. Per tre volte è stata infatti capitale: dell’Impero romano d’Occidente (402-476), del Regno degli Ostrogoti (493-553) e dell’Esarcato bizantino (568-571).

Ravenna è la Capitale del Mosaico, con centinaia di opere d’arte che si possono ammirare nelle chiese cittadine, diventate patrimonio dell’Unesco, come il Mausoleo di Galla Placidia, la Basilica di San Vitale, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Battistero Neoniano, la Cappella di Sant’Andrea e il museo arcivescovile.

Per informazioni: www.turismo.ra.it

rimini

Località turistica di fama internazionale, Rimini è il centro della Riviera Romagnola e una delle mete più visitate in estate. Fu proprio a Rimini che nel 1843 fu inaugurato il primo stabilimento balneare in Italia. Rimini non è però soltanto mare e sole: al suo interno racchiude arte e monumenti che testimoniano il ruolo importante che ha avuto nella storia sin dai tempi dei romani. Nella strada principale, Corso d’Augusto, sorge l’imponente Arco di Augusto; in centro città si trova Piazza Tre Martiri con l’antico foro romano, dove Giulio Cesare parlò alla folla dopo aver attraversato il Rubicone. Da visitare anche il Tempio Malatestiano, il Duomo e Piazza Cavour, dove sorge il Ponte di Tiberio. Imperdibile è Borgo San Giuliano, uno dei luoghi più suggestivi della città, dove si possono respirare le atmosfere dei film di Federico Fellini, nato proprio in riva all’Adriatico. Sulle pareti delle case sono dipinti murales con scene e citazioni dei suoi film, opere d’arte che ricordano uno dei maggiori artisti del panorama italiano. Nella prima settimana di settembre degli anni pari, a Borgo San Giuliano c’è la Festa de’ Borg con cibo di strada, spettacoli e racconti della storia del borgo. Dal lato enogastronomico, Rimini offre la piadina, con salumi, formaggio squacquerone o con i sardoncini (uno dei piatti tipici), la grigliata e la frittura di pesce e vini come Sangiovese, Albana e Pagadebit, prodotti nei vigneti dei colli riminesi.

Per info: www.comune.rimini.it

comacchio

Città lagunare in provincia di Ferrara, è famosa per i suoi sette lidi e per il suggestivo paesaggio. La presenza di canali, di palazzi antichi e di ponti monumentali come quello di Trepponti, le danno un aspetto simile a quello di alcune città della laguna veneta (da qui il nome di “Piccola Venezia”). Tra i luoghi da visitare il Museo Delta Antico, allestito all’Ospedale degli Infermi, dove si può trovare la nave romana Fortuna Maris rinvenuta nel 1981 al largo di Comacchio ed il museo della Manifattura dei Marinati, dove si può ammirare il ciclo di lavorazione di anguille e acquadelle. Proprio l’anguilla è il piatto tipico di Comacchio (quella marinata è presidio Slow Food), protagonista dal 1999 di una sagra a lei dedicata dove si può degustare nelle varie ricette della tradizione comacchiese. Altro appuntamento che richiama persone da tutta Italia è la Fiera Internazionale del birdwatching, che si tiene dal 2006. In estate il turismo si sposta nei sette lidi che si estendono dalle foci del fiume Reno fino al Po di Volano: Lido di Volano, Lido delle Nazioni, Lido di Pomposa, Lido degli Scacchi, Porto Garibaldi, Lido degli Estensi e Lido di Spina, che offrono servizi e attrazioni per tutta la famiglia. Vicino alla costa si possono ammirare i cosiddetti Casoni da pesca, capanne costruite con pali, paglia e canne palustri, che venivano utilizzate sia per l’attività ittica sia come luoghi di appostamento per la sorveglianza contro i prelievi ittici.

Per informazioni: www.comune.comacchio.fe.it e www.vallidicomacchio.info
Fotografia di Renzo Zilio

san marino

La Serenissima Repubblica di San Marino, grande poco di 62 km quadrati, è la repubblica più antica del mondo e tra gli stati più piccoli del pianeta. Situata tra la Romagna e le Marche è un vero e proprio gioiello grazie ai suoi suggestivi borghi medievali e alle viste panoramiche che si possono ammirare dal monte Titano. Lo stato è una repubblica parlamentare ed è diviso in nove amministrazioni chiamate castelli: Città di San Marino (la capitale), Acquaviva, Borgo Maggiore, Chiesanuova, Domagnano, Faetano, Fiorentino, Montegiardino e Seravalle. I luoghi da visitare sono la Chiesa di San Francesco, Piazza del Titano, Piazza Garibaldi e Piazza della Libertà che compongono il centro storico dove sorge la Basilica di San Marino. Imperdibile è la visita dei tre castelli (la Guaita, la Cresta e la Montale) che dominano sul monte Titano, da dove si può ammirare un panorama che permette di vedere le città di Rimini, di Ravenna e anche Firenze e la costa croata se il cielo è sereno. Senza dimenticare lo shopping nelle botteghe tipiche che si trovano lungo le strade del borgo medievale, dove si possono acquistare oggetti unici e preziosi. Tra i principali eventi organizzati nella repubblica spiccano il Festival della Magia, che si tiene a marzo, e i mercatini di Natale. San Marino è anche meta degli appassionati di filatelia, alla ricerca delle serie commemorative di francobolli stampate ogni anno, e di numismatica. Pur utilizzando l’euro come valuta ufficiale, vengono infatti coniate monete sammarinesi in quantità limitata.

Per informazioni: www.visitsanmarino.com

ferrara

Capitale del Ducato di Ferrara nel periodo degli Estensi, quando rappresentò uno dei più importanti centri politici, artisti e culturali d’Italia, è famosa per i suoi palazzi e per l’Università ed è definita la Città delle biciclette, avendo ampi spazi vivibili ed un centro storico con poche automobili. Un fiore all’occhiello che le consente di avere un’atmosfera rilassata, ideale per il turista che la visita, potendone godere di ogni suo particolare. Il tour cittadino non può non partire dal Castello Estense, simbolo di Ferrara, per passare al Duomo dedicato a San Giorgio (la cattedrale della città) ed al Palazzo dei Diamanti, singolare edificio formato da 8500 blocchi di marmo bianco striato di rosa che ospita mostre e gallerie d’arte e l’antica pinacoteca. Famosi e stupendi sono anche gli affreschi del Salone dei Mesi esposti al Palazzo Schifanoia, tappa obbligata come il Palazzo delle Erbe che si trova nel centro storico. Ferrara soddisfa anche il palato degli amanti della buona cucina, con piatti tipici, come i cappellacci con zucca e la salama da sugo, una salsiccia di carne di maiale, fegato, lingua suina e cotiche insaporita con spezie e vino rosso. Non mancano i dolci con il tipico pampepato e con la brazadela.

Per info: www.comune.fe.it

borghi medievali

Nel suggestivo paesaggio dell’entroterra romagnola si trovano borghi e castelli medievali, in città che nel corso della storia sono state importanti avamposti difensivi e offensivi per garantire il controllo del territorio. In provincia di Ravenna c’è Brisighella, vero e proprio gioiello sulle colline faentine inserito tra i Borghi più belli d’Italia, situata su tre pinnacoli rocciosi: la Rocca Manfrediana, il Santuario del Monticino e la Torre dell’Orologio. In provincia di Forlì-Cesena ci sono Longiano, dove si possono ammirare il Castello Malatestiano, il Teatro Ottocentesco e la Galleria delle Maschere, Castrocaro Terme, Bertinoro (cittadina che sorge sopra un colle), e Monteleone, piccola località nel comune di Roncofreddo. Spostandoci a Sud, nel riminese, ci sono borghi storici come San Leo, famoso per il castello in cui venne imprigionato Cagliostro, Montegridolfo, Montefiore Conca, San Giovanni in Marignano, Verucchio e Santarcangelo, città medievale dove si può ammirare la Rocca Malatestiana. Da visitare è anche la Repubblica di San Marino, con il borgo e i castelli costruiti in cima al monte Titano.

costa romagnola

Con oltre cento chilometri di costa, la Riviera Romagnola è una delle zone d’Italia più visitate dai turisti grazie al vincente connubio tra divertimento e relax. Le spiagge, gli stabilimenti balneari ed i locali con la loro movida notturna, sono da sempre un must per coloro che vogliono trascorrere vacanze indimenticabili. La Costa Romagnola tocca le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, coinvolgendo molte località che offrono servizi ed attrazioni per tutte le età e per le famiglie. I centri più famosi: Marina di Ravenna, Milano Marittima, Cervia, Cesenatico, Rimini, Riccione, Cattolica. Ogni anno, con l’arrivo dell’estate, la Costa Romagnola si anima con la Notte Rosa ed una serie di iniziative ed eventi da non perdere.

Per informazioni: www.emiliaromagnaturismo.it/it/riviera-adriatica

diga di ridracoli

Situata a Ridracoli, piccola frazione del comune di Bagno di Romagna, la Diga fornisce acqua a circa un milione di persone, raggiungendo cinquanta comuni tra le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e la Repubblica di San Marino. Alta circa 103 metri con una larghezza massima alla base di 36 metri, forma un lago artificiale bloccando il corso del fiume Bidente ed è possibile visitarla navigando sulle sue acque con un battello elettrico o effettuare escursioni in mountain bike lungo la pista forestale che porta alla Foresta delle Lame, percorso ad anello che le si snoda intorno.

Per informazioni: www.ridracoli.it

parco nazionale delle foreste casentinesi

L’area protetta formata dal Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, dal Monte Falterona e dalla Campigna si trova sull’Appennino Tosco-Emiliano al confine tra Romagna e Toscana ed è ricca di paesaggi suggestivi immersi tra foreste millenarie e montagne popolate da una ricca flora e fauna. Tra i luoghi da visitare la cascata dell’Acquacheta, il monastero di Camaldoli e il santuario francescano della Verna, il Monte Falterona, il Borgo di Ridracoli e la foresta di Campigna.

Per informazioni: www.parcoforestecasentinesi.it

le terme

L’Emilia Romagna è una delle principali destinazioni termali d’Italia: vanta 19 centri termali e 25 stabilimenti. Lungo la Riviera Romagnola, procedendo da Nord a Sud, troviamo località come Comacchio (provincia di Ferrara) e Punta Marina e Cervia (provincia di Ravenna), famosa per le sue saline, la cui acqua salmastra la rende una delle mete più frequentate per la talassoterapia. Procedendo verso Sud ci sono poi Rimini e Riccione: anche in questi due centri si pratica la talassoterapia grazie alle acque del Mar Adriatico. Nell’entroterra sorge invece Riolo Terme sulle colline faentine, località rinomata per la fangoterapia grazie ad un fango sorgivo naturale che sgorga da piccole cavità del terreno, e la vicina Brisighella, centro che, oltre ad offrire un suggestivo paesaggio medievale, dispone di terme molto frequentate. Lungo l’Appennino Tosco-Romagnolo si trovano Bagno di Romagna, con le acque termali più calde di tutta la regione, Fratta Terme e Castrocaro Terme, dove i benefici delle sue fonti termali sono sfruttati sin dai tempi dei romani. La grande caratteristica di queste terme sono le acque fossili, ricche di minerali che emergono dagli strati rocciosi profondi. I centri termali della Romagna sono adatti anche alle famiglie, mettendo a disposizioni strutture con attività rivolte anche ai più piccoli.

Per info: www.termemiliaromagna.it